• Centralino 0434 546800

Pordenone non tratta

Pordenone non tratta

Un evento per celebrare la Giornata Europea contro la Tratta di esseri umani a Pordenone

“Pordenone non tratta” è l’iniziativa promossa in occasione della Giornata Europea contro la Tratta degli Esseri Umani (18 ottobre) dalla cooperativa Nuovi Vicini, impegnata nel territorio pordenonese, in partnership e col supporto del Comune di Pordenone nel progetto regionale “FVG in rete contro la tratta”.

“Il Comune di Pordenone – sottolinea l’assessora alle Politiche sociali Guglielmina Cucci – in collaborazione con la cooperativa Nuovi Vicini, ente che vanta una lunga esperienza in questo ambito, è impegnato attraverso il settore dei servizi sociali, nella lotta e nel contrasto al fenomeno della tratta. Essa avviene tramite attività e servizi di assistenza e integrazione sociale e lavorativa. L’obiettivo primario, oltre a combattere l’illegalità, è quello di tutelare le persone – oggetto di sfruttamento sessuale o lavorativo, accattonaggio forzato e matrimoni imposti – per ridare loro libertà e dignità. Il tutto con un lavoro di rete capillare e sinergico dove diventa strategica e basilare la collaborazione multiagenzia ovviamente dei servizi socio sanitari e centri di ascolto, centri antiviolenza, enti, associazioni del territorio, forze dell’ordine, e polizia locale. Particolare attenzione viene data all’emersione dello sfruttamento sessuale, che a Pordenone si sviluppa storicamente indoor”.

Nello specifico l’iniziativa si inserisce all’interno di un’azione nazionale promossa dal numero verde anti-tratta (800.290.290), che ha l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza alle tematiche del progetto. Nel pordenonese essa si concretizza tramite la realizzazione di una campagna social e di una cartellonistica affissa nelle zone di maggior flusso automobilistico a partire dal 10 ottobre: via delle Caserme (angolo viale Grigoletti), via San Valentino; viale Treviso (sottopasso); via Nuova di Corva (sottopasso).

I poster, oltre a lanciare lo slogan “Pordenone non tratta”, riportano una frase simbolica ricavata dalla lettera che una beneficiaria del progetto anti-tratta locale ha scritto e consegnato alle operatrici della Nuovi Vicini. La lettera è particolarmente significativa perché racconta un faticoso, ma riuscito percorso di lotta per la riconquista della propria libertà contro le costrizioni imposte dall’esterno, motivo di ispirazione per chi affronta difficoltà simili, ma anche una positiva provocazione per portare a una presa di coscienza da parte di chi non conosce questo fenomeno.

“Dopo tanti anni di collaborazione tra soggetti diversi che compongono la rete con cui cerchiamo di creare sostegno alle persone vulnerabili – sostiene Ivana Latrofa, presidente della Nuovi Vicini, che gestisce e coordina il progetto a livello locale – possiamo dire che essa sta diventando un sistema e sta dando i suoi frutti, come dimostra anche la lettera che ci è stata data come dono dalla beneficiaria del progetto e che dà la misura del nostro operare”.

La cooperativa sociale Nuovi Vicini da anni si occupa di emersione, assistenza, integrazione sociale e lavorativa di vittime di tratta e/o grave sfruttamento sessuale, lavorativo, accattonaggio forzato, economie illegali e matrimoni forzati/combinati.

L’emersione e l’identificazione delle vittime o potenziali tali, può avvenire tramite il contatto con le unità di strada dell’equipe anti-tratta, ma anche attraverso la segnalazione da parte delle Forze dell’ordine, dei servizi socio-sanitari, dai centri di ascolto e servizi a bassa soglia, o da parte di altri progetti di accoglienza, come anche dalla collaborazione con il centro anti violenza territoriale.

Durante il percorso di accoglienza, della durata di 18 mesi, viene assicurata protezione immediata, assistenza sanitaria, legale, psicologica e accoglienza in strutture protette, nonché orientamento nella formazione professionale e nella ricerca lavorativa.

Durante il 2019-2020 in tutto il territorio regionale sono state prese in carico 81 persone adulte e 16 minori mentre nel territorio pordenonese sono state accolte 17 persone adulte (6 donne – 11 uomini) e 1 minore.

Delle persone accolte dal 2019, il progetto si è concluso con esiti differenti: molte beneficiarie e beneficiari si sono trasferiti in altre città o regioni per cercare lavoro o ricongiungersi con amici e famigliari, altri hanno trovato lavoro e casa nella provincia di Pordenone, costruendo nel territorio una famiglia. Nessuna delle persone accolte è rientrata nel circuito dello sfruttamento.

Durante l’anno 2021-2022 sono stati accolti nel progetto anti-tratta di Pordenone 20 persone (13 donne – 3 uomini) e 4 minori. Attualmente 6 persone, di cui 2 minori, sono ancora accolte presso le strutture dedicate. I paesi di provenienza sono principalmente Pakistan, Nigeria, India, Mali, Ghana, Gambia e Marocco.

Il lavoro di emersione dell’equipe del progetto anti-tratta nel 2022 ha portato anche all’intercettazione di 34 persone, prevalentemente uomini singoli impiegati nello sfruttamento lavorativo, che non sono state prese direttamente in carico dall’accoglienza di Pordenone, ma che sono tuttora oggetto di valutazione, che potrebbe portare all’attivazione di progetti su altri territori più sicuri rispetto al luogo di emersione.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per questo Natale
adotta un progetto